Ti amo anch’io, Zelma

Il genio del reparto creativo di Agent Provocateur sta nell’avere spesso idee banalotte rendendole sempre pazzesche nella realizzazione.

Intendo dire che mettersi intorno a un tavolo, domandarsi “su cosa si fanno le pippe oggi gli uomini?”, rispondersi “su cam4” e decidere di fare uno spot sugli spogliarelli in rete, sembra il brainstorming più imbecille, “borisiano” e ben pagato della storia della pubblicità.

Eppure i brainstorming funzionano proprio così e più ci si fanno domande semplici (e le pippe sono sempre una valida unità di misura) più in fretta si arriva al punto, e quasi mai sbagliando.

Poi ci si mette il fatto che non si sta realizzando una campagna per Oviesse ma per Agent Provocateur, e lì c’è un salto spazio-temporale, quello della realizzazione, che ci porta su una DeLorean comodamente fino a noi.

Così, a prodotto finito, nell’idea troppo facile e abusata, trovi qualcosa – Barthes l’avrebbe chiamato il punctum, sbagliando –  che è una sorta di folgorazione, una sensazione famigliare e pungente, e per un attimo hai la sensazione di stare spiando davvero qualcuno, qualcuno che conosci bene, qualcuno che non potresti mai conoscere così bene.

È una questione di due secondi, il tempo che serve per renderti conto che i maledetti hanno preso una modella che somiglia tremendamente a qualcun altro.
E nessuno te lo ha detto che Zelma in realtà non è Zelma. Ma tu lo sai benissimo chi è.
Tu, che ti fai le pippe su cam4 sperando di trovare quella che non ti tira scemo per sei ore senza neanche mostrarti un capezzolo ma di imbatterti nella più bella, procace, porca ragazza appena uscita dal college, una che, guarda, non la sposi solo perché abita in un altro Paese.

Una strafiga che si spoglia solo per te. Che è quello che cerchi e che ti meriti. Perché solo uno come te, con il tuo carisma, la tua influenza, il tuo sguardo sveglio attraverso la webcam, poteva convincere la Jolie a spogliarsi.
E tutti quegli altri stronzi ancora non l’hanno capito, loro non sanno.
E continuamo a chiamarla Zelma.

 

Tutti i video qui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...