Senza vergogna

Stamattina facendo colazione mi è stata fatta notare una campagna pubblicitaria di Marc Jacobs. Lui, nudo, si copre l’unica cosa che interessi della foto con una flacone gigante di profumo. Niente di nuovo, ho detto, quelle cose le ha già fatte tutte Tom Ford.

Diciamocelo, la pubblicità provocatoria, sessuale, censurata, ha un po’ rotto le palle. E una volta è lo stupro, l’altra è il pisello, l’altra l’omosessualità, l’altra la pedofilia, l’altra ancora i diritti, il rispetto, l’oltraggio al comune senso del pudore.

Poi sono tornata a casa e ho trovato una notizia: Westfields è sotto accusa per aver affisso la nuova campagna pubblicitaria di Suit Supply, marca olandese. Il fotografo, Carli Hermes, ha piazzato lì di nuovo un uomo che solleva una gonna, una scena di sesso in pubblico con mano sulla gola, un’altra in cucina sui fornelli, con lei che mentre lui la “sostiene” da dietro beve una tazza di tè.

I commenti della gente sono i soliti: è offensiva, è orribile, è stupida, è volgare, è scioccante, è disgustosa. Nessuno che dicesse l’unica cosa giusta, prima di porsi il problema del metti e togli dai muri dei grandi magazzini: ormai, è inutile.

Datevi ‘na calmata. Nel senso che mo’ basta: si è inceppato il disco.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...