Volevo dirvi che l’ho dimenticato

Jennifer, io ti voglio bene. Mi stai simpatica da sempre, mi stai simpatica in quanto Rachel, in quanto antipatica a tutti nella vita reale, in quanto cornificata dal più grande figo esistente con una talmente figa che dopo averle sfiorato la pelle quell’altro si è trasformato per paradosso in un insignificante ammasso di arti e biondità e nulla è rimasto del cowboy che innamorava Geena Davis.
Mi è dispiaciuto per te quando l’aliena si è portata via quel coso che non si risparmiava in una sola intervista di dire quanto tu fossi la donna più meravigliosa della terra, più simpatica, bella, insostituibile, unica: Jen, Jen, Jen, Jen. Già.

Povera Jen, che mazzata.

E mentre gli altri gioivano all’idea che il belloccio avesse lasciato la sciacquetta per mettersi finalmente con la dea che lo meritava, io ero in pena per te.
Mi ero pure presa una maglietta, “team aniston”. Quanto ero brillante al tempo, vero?

Ecco Jennifer, per anni ho aperto i giornali e i siti pensando a quanto dovessi averne piene le palle del fatto che dopo secoli ancora tutti ti guardassero con sospetto aspettando un tuo crollo di nervi, mentre tu trascorrevi tranquilla la vita sulle spiagge di Malibu con quello strafigo vero che è Vince Vaughn.
Ridicolo che tutti s’inventassero telefonate, ritorni, litigate, divieti altrui, fidanzati copertura. Che tutti parlassero di te come di una disperata, distrutta, sterile, massacrata, imbecille che si lascia rovinare la vita e non si riprende mai più.

Poi oggi ho aperto un link.
Hai rilasciato un’intervista in cui spieghi come ti ha fatto bene recitare in “The Break-Up” subito dopo aver rotto con Brad. Qualcosa di catartico, dici.

Jennifer.

Jennifer.

Quel film è uscito nel 2006.

Siamo nel 2011.

Ti rendi conto che non significa nulla che tu abbia fatto tutta questa fatica perché gli altri dicano che hai concesso una sola intervista a Vanity Fair parlando del tuo matrimonio a pezzi se poi mi cadi sui fondamentali?

Jen, te lo dico da amica: avresti dovuto parlare subito, incazzarti, spaccare tutto e diffondere comunicati stampa in cui dicevi che avevi trovato lettere d’amore scritte con il sangue, che la Jolie è una psicopatica e che le puzzano l’ascelle.
Invece non l’hai fatto. Hai fatto la superiore. E questo è il risultato: che non sai tenere il punto.

In buona sostanza, in sei anni di silenzio non hai smesso di parlare un secondo.
Jennifer, ci sei rimasta sotto, è evidente.
Mo’ basta. Fattene una ragione.

Annunci

Un pensiero su “Volevo dirvi che l’ho dimenticato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...